Come controllare gli attacchi di fame?

Offerta Delika
Offerta Skinius Aprile
aprile 14, 2018
Nastro Rosa Airc ottobre in farmacia
ottobre 15, 2018
attacchi di fame

Come controllare gli attacchi di fame?

Mangiare bene, e nelle quantità giuste, è indispensabile non solo per restare in linea, ma soprattutto per difendere il proprio benessere.
Il problema è che, sfortunatamente, i cibi più appetitosi sono spesso ricchi di grassi poco sani e di zuccheri semplici ed eccessivamente calorici.

Ci danno però un senso di gratificazione che influisce sugli altri meccanismi che regolano l’appetito, spingendoci a mangiare più per piacere che per necessità. Passa in Farmacia Gallotta per scoprire i prodotti contro gli attacchi di fame

Tenere la fame sotto controllo

Il controllo della fame e della sazietà è un processo complesso: coinvolge meccanismi biochimici molto articolati che integrano a livello cerebrale segnali provenienti da organi e tessuti diversi.
Alcuni dei principali elementi regolatori dell’appetito sono:

  • Tipologia e quantità degli alimenti che mangiamo;
  • Tempistica con cui consumiamo i pasti;
  • Composizione corporea, in termini di massa muscolare e massa grassa;
  • Spesa energetica necessaria alle attività metaboliche dell’organismo, a sua volta influenzata dalla composizione corporea.

Ma la questione è più complessa: il comportamento alimentare di ciascuno è influenzato anche da una serie di fattori biologici, demografici ed emotivi oltre che di natura sociale e culturale.
Uno stile di vita stressante, ad esempio, porta a preferire cibi particolarmente ricchi di calorie.
La facilità con cui troviamo nei supermercati e nei distributori di snack cibi poco sani si associa, infatti, alla scarsa attitudine al movimento (per mancanza di tempo o per abitudine), che non permette di compensare il maggior introito calorico tipico della cosiddetta dieta occidentale.

Come gestire il senso di fame

Coscienti dell’influenza di tutti questi fattori e delle tentazioni che ci circondano, dobbiamo imparare a fare scelte consapevoli per mantenerci in salute.

  • Scegliere alimenti a ridotta densità energetica e ridotto carico glicemico come verdura, frutta a guscio, legumi, cereali integrali, ricchi inoltre di fibre, da consumare eventualmente anche come snack spezza-fame.
  • Preferire cibi cucinati in casa.
  • Optare per pasti piccoli e frequenti.
  • Masticare bene i bocconi.
  • Bere un bicchiere d’acqua prima dei pasti.
  • Non mangiare davanti al televisore.

Dimagrire mangiando: le fibre alimentari

Le fibre alimentari, di cui sono ricche frutta, verdura e cereali integrali, aiutano a ridurre l’appetito e l’assorbimento di grassi. 
Le fibre insolubili, in particolare, non si sciolgono nei fluidi intestinali ma assorbono acqua nell’intestino, formando un gel che riduce l’assorbimento degli alimenti e che regola lo svuotamento gastrico.
In questo modo le fibre insolubili regolano il metabolismo del glucosio e dei lipidi, contribuendo a ridurre i picchi glicemici e il senso di fame e a controllare i livelli ematici di colesterolo cattivo “LDL” e dei trigliceridi. Poiché il gel creato dalle fibre insolubili provoca distensione gastrica, inoltre, è in grado di indurre sazietà.

I benefici delle proteine

Un corretto apporto di proteine e amminoacidi essenziali favorisce lo sviluppo e il mantenimento della massa muscolare.
Le proteine hanno inoltre un maggiore effetto saziante rispetto ai carboidrati. Fonti di proteine e amminoacidi essenziali sono innanzitutto carne, pesce, uova, latte e derivati. 
Buone fonti proteiche di origine vegetale sono:

  • Legumi,
  • Cereali,
  • Semi oleosi,
  • Frutta a guscio

Anche l’acido linoleico coniugato (CLA) può aiutare il nostro organismo a “bruciare” i grassi, impedendo così la crescita del tessuto adiposo e favorendo un metabolismo muscolare ottimale.
L’acido linoleico coniugato (CLA) è una miscela di isomeri dell’acido linoleico (un acido grasso essenziale), che in natura si trova nei tessuti dei ruminanti (lo possiamo quindi assumente con la carne, le uova e i prodotti caseari) nell’olio di cartamo o girasole.